Eventi

La piega che stanno prendendo il presente e il futuro della democrazia sono molto preoccupanti. Siamo in tanti ad essere in allarme per un futuro politico, sociale, civico, economico e psicologico che si profila terrificante.

In questo senso, considero questo mio libro di pubblica utilità.
Per scriverlo ho lavorato per cinque anni su un’importante quantità di documenti raccolta in dieci anni di ricerca. Documenti, in gran parte, in lingua tedesca, inglese e francese, inediti in Italia.

Il mio concetto di pubblica utilità e di quello delle migliaia di Lettori che dalla fine di gennaio mi hanno scritto, non coincide evidentemente con il concetto di pubblica utilità dei grandi editori – che avevano censurato preventivamente il libro (sarebbe dovuto uscire a maggio 2020) – e dei mass media mainstream – che continuano a osteggiare la conoscenza di questo saggio e a ostracizzarmi.
Da “scrittore di successo” sono passato, come per incanto, a “scrittore non gradito al sistema”.
Il che la dice lunga anche sullo stato avanzato di putrefazione della grande editoria e della totale assenza di dignità dei mass media mainstream che se ne fregano di quel che pensa la gente e dell’oggettività dei fatti.

Attenzione! Nessuno si senta al riparo.
Come il sistema ha colpito me, ha colpito anche i medici, infermieri e sanitari che obiettano, ha colpito quei pochi giornalisti che ancora sono i controllori del potere e non i controllati dal potere, ha colpito altre categorie e ne colpirà altre ancora.
Non ci sono intrugli salvifici che tengano.
Ripeto: nessuno si senta al riparo. Neppure i collaborazionisti e il lacchè del sistema. Neppure gli indifferenti. Neppure le categorie che si sentono illusoriamente protette dal sistema: quando non saranno più funzionali e strumentali al sistema, saranno soverchiate e gettate via come un paio di scarpe vecchie. Non come quelle nobilitate nel dipinto di Van Gogh.
Se non facciamo rete, resistenza e disobbedienza nessuno sarà al riparo da questa situazione coercitiva.
Se non alziamo le barricate, niente sarà come prima. E niente andrà tutto bene.

A differenza dei libri di storia o di comunicazione, questo libro non spiega cosa significò ieri la propaganda del ministro nazista Joseph Goebbels, ma spiega come e perché quella propaganda oggi “funziona”: cioè tratta la propaganda del “diavolo zoppo” del Terzo Reich come un orologio da smontare per osservare i meccanismi psicologici e comunicativi della manipolazione e gli incastri psicosociali dell’ingegneria del consenso.
Per comprendere come difendersi dalla applicazione di quella stessa propaganda oggi in vigore.

Il concetto di “pubblica utilità” di questo studio deriva dal fatto che queste undici tattiche vanno assolutamente conosciute da più persone possibili. Per avere risorse attive – strategiche, psicologiche, sociali e civiche – di difesa. Per smascherare gli scopi distruttivi della propaganda ed evitare di farsi contagiare.

Tra le migliaia di mail, commenti ai post, ai video e messaggi che mi sono giunti in questi quattro mesi, desidero riportarvi quella di un gruppo di studio di giovani. Il fatto che sono giovani, mi dà gioia e conforto:

«Nel nostro gruppo stiamo leggendo il suo libro “Goebbels. 11 Tattiche di manipolazione oscura”.
Non esagero nel dire che siamo tutti impressionati dal lavoro di ricerca e dalla semplicità di esposizione dei contenuti.
L’argomento è notevole come è notevole l’audacia nel pubblicarlo.
Non si stupisca se tale lavoro la metterà alla berlina dall’attuale sistema mediatico, il contenuto del libro mette a nudo i meccanismi e gli ingranaggi che muovono questa famelica Bestia, rendendola di fatto vulnerabile…
Una sorta di “Pillola Rossa di Matrix” che permette di vedere al di là della cortina fumogena con cui l’abile governante nasconde i suoi reali intenti. Non è poco.
Non è poco per il mainstream ma non è poco nemmeno per il comune cittadino che se dovesse aprire gli occhi di fronte a tali meccanismi si troverebbe di fronte ad un baratro senza fine».

Quando un granello di sabbia entra nell’ingranaggio, può bloccare il micidiale motore della macchina del potere e dell’asservimento.
E – recita un’antica massima di strategia bellica – «Tanti granelli di sabbia insieme formano una grande pagoda».

Conoscere è difendersi ed evolversi.
Spargete la voce. Alzate il segnale.
Sempre in alto il cuore e la mente!

__
Gianluca Magi, Goebbels. 11 tattiche di manipolazione oscura, prefazione di Jean-Paul Fitoussi, Piano B, 2021: https://bit.ly/3yGoios
È tra i saggi più letti e apprezzati nel 2021 – cinque ristampe in quattro mesi – solo grazie al passaparola dei Lettori.

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi video

Altri articoli

Libri